Ti trovi in:

Home » Servizi offerti » Edilizia Abitativa » Sovvenzioni e agevolazioni » Interventi a favore delle persone anziane per ristrutturazione o adeguamento della propria abitazione

Interventi a favore delle persone anziane per ristrutturazione o adeguamento della propria abitazione

Immagine decorativa

Finanziamenti per interventi di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione di strutture abitative al fine di renderle idonee alle necessità abitative delle persone anziane, nonché opere di adeguamento e sussidi finalizzate ad eliminare le barriere e le difficoltà di vivibilità dell'alloggio.

L'istanza può essere presentata da:

a)     chi ha compiuto 65 anni di età o sia affetto da disabilità connesse a processi di invecchiamento precoce;

b)    chi comprende o intende includere nel proprio nucleo familiare le persone di cui al punto che precede;

 

Il richiedente deve essere proprietario, comproprietario o titolare di un diritto reale di godimento dell'alloggio sul quale intende effettuare interventi di risanamento per occuparlo stabilmente.

Al fine dell'ottenimento dei contributi il richiedente deve possedere, alla scadenza del semestre di presentazione dell'istanza, i requisiti previsti dall'art. 4 della Legge Provinciale 13.11.1992, n. 21 che sono così riassunti:

  1. avere la cittadinanza italiana o di uno dei paesi CEE;
  2. risiedere anagraficamente o aver avuto la residenza nella provincia di Trento o essere figlio di residenti o di soggetti già residenti nella provincia      di Trento oppure prestare abitualmente la propria attività lavorativa esclusiva in provincia di Trento da almeno due anni;
  3. appartenere ad un nucleo familiare il cui reddito non sia superiore al limite fissato periodicamente dalla Giunta provinciale.
  4. non essere titolare, contitolare, erede o legatario, del diritto di proprietà, di uso, di usufrutto o di abitazione su altro alloggio idoneo alle esigenze familiari;
  5. non essere titolare, contitolare, erede o legatario, del diritto di proprietà, di uso, di usufrutto o di abitazione su altro alloggio o su quote anche ideali di altri alloggi, che consentano una rendita catastale convenzionale superiore a € 283,22;
  6. i requisiti di cui alle lettere d) ed e) devono essere posseduti anche nel triennio antecedente la presentazione della domanda;
  7. non avere già ottenuto, a qualsiasi titolo, l'assegnazione di altro alloggio in proprietà o per il quale sia in corso la cessione in proprietà, costruito con contributi pubblici; non essere assegnatario di altro alloggio di cooperative edilizie a proprietà individuale, ovvero non avere realizzato, anche attraverso il risanamento, o acquistato alloggi con agevolazioni finanziarie pubbliche. Qualora il socio di cooperativa sia prenotatario di altro alloggio, lo stesso, prima della concessione delle agevolazioni provinciali, deve rinunciare alla prenotazione medesima.

I requisiti si verificano anche nei confronti del coniuge del richiedente e della persona anziana ultrasessantacinquenne.

Spesa ammissibile

 

La spesa ammissibile a contributo non può essere inferiore a € 2.500,00 e non può superare € 31.000,00, per le opere di manutenzione straordinaria; non può altresì essere inferiore ad € 1.250,00 e non può superare € 10.000,00 per le opere di adeguamento.

 

Come e quando si possono presentare le domande?

Le domande devono essere presentate in carta libera alla segreteria della Comunità.

Possono essere presentate nel corso di tutto l'anno solare e le relative graduatorie sono redatte ogni 6 mesi in riferimento alle scadenze del 30 giugno e del 31 dicembre di ogni anno. Per i cittadini stranieri sono redatte graduatorie separate.

Come si attiva?

  • A seguito della presentazione della domanda alla Comunità, verrà valutato l'intervento e redatta la graduatoria sulla base di punteggi attribuiti alla tipologia di intervento richiesto in relazione alla rilevata situazione sociale/sanitaria della persona interessata.
  • Al richiedente verrà comunicato tramite raccomandata il punteggio conseguito nella graduatoria provvisoria e, trascorso il termine di 15 gg. per la presentazione di controdeduzioni,  verrà formulata una graduatoria definitiva con conseguente comunicazione dell'ammissibilità a contributo.
  • In tal caso, per accedere al contributo, il beneficiato deve presentare domanda entro 180 giorni dalla comunicazione dell'ammissibilità (prorogabili, per gravi e giustificati motivi, di ulteriori 90 giorni). Alla domanda dovranno essere allegati:

-       dichiarazioni per il possesso dei requisiti prescritti;

-       computo metrico estimativo;

-       copia della concessione edilizia con relativi disegni;

-       pianta in scala 1:50 dell'alloggio oggetto di agevolazione.

 

 

Quantificazione dei contributi

A favore dei soggetti richiedenti che risultano in posizione utile nella graduatoria, a seguito di apposita domanda e verifica della persistenza dei requisiti, viene deliberata la concessione del contributo in conto capitale che è determinato nel modo seguente:

1. contributi per opere di manutenzione straordinaria dell'alloggio per un ammontare del 60 – 75 – 90% della spesa ammessa in relazione al reddito percepito dal nucleo familiare;

2. contributi per opere di adeguamento e sussidi per un ammontare del 20 – 60 – 80 – 100% in relazione al reddito percepito dal nucleo familiare.

Nel caso in cui i componenti il nucleo familiare interessato all'intervento siano, alla data di scadenza del semestre relativo alla presentazione dell'istanza o lo siano stati nell'anno precedente, proprietari o comproprietari, eredi o legatari di altri immobili classificati o classificabili catastalmente in categoria A, la spesa massima riferita all'intervento è ridotta del valore catastale, reale e/o virtuale (rendita catastale x 100).

Erogazione del contributo

L'erogazione del contributo avviene mediante l'anticipo del 50% a inizio lavori su richiesta dell'interessato; il rimanente 50% viene erogato a lavori ultimati. In caso di mancata rispondenza delle opere effettivamente eseguite con quelle autorizzate e ammesse a contributo, la quantificazione del contributo medesimo è rideterminata.

L'erogazione finale del contributo è altresì subordinata alla dimostrazione da parte degli interessati di aver sostenuto, attraverso idonea documentazione fiscale (fatture quietanzate) il 100% della spesa massima ammissibile a contributo.

Qualora la spesa effettivamente dimostrata risulti inferiore alla quota sopracitata, il contributo è ridotto in maniera proporzionale.

L'esecuzione dei lavori deve essere effettuata entro due anni dalla data di concessione del contributo.